A.M. AUDIO

C.SO MILANO 102

27029 VIGEVANO (PV)

TEL : 0381347161

B-1000 Reference S2

TIPO :

MONO

TECNOLOGIA :

FET MOSFET

POTENZA :

8 Ohm 1000W

4 Ohm 1600W

2 Ohm 2300W

RISPOSTA IN FREQUENZA (HZ) :

2 ÷  110K

SENSIBILITA'/IMPEDENZA INGRESSI (V/Ohm) :

3,5 V

THD :

>1% (1Khz 1000W)

SLEW-RATE :

90V/µS

NOTE :

Trasformatori da 3000 VA complessivi, stadio di ingresso a MOSFET, in CLASSE A fino a 70W

DIMENSIONI (LxAxP, cm) :

47 x 28 x 74

PESO (kg) :

108

PROVA PDF

DESCRIZIONE DETTAGLIATA

B-1000 Reference S2

 

Amplificatore finale monofonico di straordinarie prestazioni

 

con circuitazione bilanciata senza controreazione

 

 

 

Questo apparecchio è stato riprogettato con grande attenzione e con lo scopo di stabilire un nuovo punto di riferimento nella categoria degli amplificatori finali, un apparecchio capace di fornire una potenza enorme e una straordinaria qualità di riproduzione. Il miglior finale che abbiamo costruito da sempre

 

All’abbondante potenza e capacità di pilotaggio eccezionali, si sommano i primi 70W in classe A. Il risultato finale  dell’aggiornamento pone il B-1000 R S2 al vertice assoluto della produzione AM Audio.

 

Rispetto alla vecchia versione le variazioni più salienti sono:

 

 

 

1) Nuovo circuito d’ingresso del finale.

 

2) La capacità di filtro principale passa da 8 X 68.000 µF a 8 X 120.000 µF.

 

3) Trasformatori maggiorati.

 

4) Dissipatori MONOBLOCK.

 

5) Doppio telaio da 5.5 mm di spessore totale.

 

 

 

Il B-1000R S2 è un amplificatore bilanciato costituito da due circuiti di amplificazione simmetrici. Lo stadio di amplificazione d’ingresso del finale, molto originale, è basato su un’estrema semplicità dello schema, esso utilizza solo due componenti attivi, il primo mosfet si occupa dell’intero guadagno in tensione richiesto, mentre il secondo mosfet guadagna solo in corrente realizzando un’uscita a bassa impedenza.

 

I componenti più adatti per questo tipo di schema sono i Mosfet Hitachi di media potenza (2SK214 e 2SJ77); essi possono lavorare a tensioni relativamente elevate, in modo da sfruttare la zona di massima linearità; la loro notevole capacità di corrente viene sfruttata al meglio nello stadio buffer prima dei “piloti”, in quanto non si limita a presentare una bassa impedenza nell’uso con piccoli segnali, ma sufficiente per erogare la massima tensione utile per pilotare lo stadio finale che amplifica sia in corrente sia in tensione.

 

Il finale utilizza 20 coppie Mosfet Hitachi 2SK1058 e 2SJ162 selezionati per ogni sub-amplificatore 80 in totale ed è in grado di gestire correnti stazionarie di + - 140 Ampère e dissipare 8KW a 20°.

 

I percorsi elettrici sono ben progettati e più corti possibile, ai trasformatori sono connessi due ponti a diodi, della americana IR, da 36A/400V fissati e dissipati sul telaio, allacciati agli enormi elettrolitici di filtro collocati al centro del cabinet vicinissimi ai mosfet di potenza dello stadio finale.

 

I due trasformatori toroidali da 1500 VA ciascuno, sono realizzati con grande attenzione e resinati nel gigantesco contenitore isolato, tramite 8 antivibranti, dal telaio di acciaio da 3 millimetri tagliato al Laser ed irrigidito con barre di alluminio da 15X20mm.

 

La filtratura realizzata a più stadi, parallelando diversi condensatori elettrolitici NIPPON CHEMICON made in USA, rispettivamente 120.000, 27.000, 8.200, 47µF e polipropilene da 100nF il tutto ripetuto su ciascuno dei quattro rami di alimentazione per un totale di 1.2 Farad.

 

L’alimentazione dei circuiti d’ingresso, è filtrata e stabilizzata in modo indipendente allo scopo di evitare ogni interferenza con lo stadio di potenza.

 

Tutta l’elettronica è inserita su sei circuiti stampati di vetronite a norme militari, spessa ben 2,4 mm e a doppia faccia.

 

Gli enormi dissipatori in alluminio anodizzato neri che costituiscono i lati dell’apparecchio, hanno una superficie dissipante di circa 3,5 m2 .

 

Un simile dissipatore non esiste sul mercato, pertanto la si realizza saldando a spessore tra loro tre pezzi di profilato estruso con successiva spianatura a controllo numerico.

 

Il retro dell’apparecchio con scritte d’identificazione incise al laser ospita i morsetti di uscita, le prese XLR e RCA a contatti dorati, la vaschetta di alimentazione.

 

La componentistica di altissima qualità: resistenze all’1% a strato metallico, condensatori in polipropilene e polistirene, trimmer in cermet, relé a contatti dorati, resistenze di potenza a norme militari, ponti a diodi IR e componenti attivi selezionati Toshiba, Hitachi e Motorola.

 

Il doppio circuito di antispunto, limita il transitorio di accensione dell’apparecchio che è collegato ai diffusori tramite 4 relé a contatti dorati da 16 Ampère ciascuno, preposti alla protezione e alla soppressione dei disturbi di accensione e spegnimento. Due fusibili sull’alimentazione di rete e otto fusibili sulle alimentazioni di potenza, monitorati da led, completano la protezione dei finali di potenza di grande rilievo.